Come valutare le case in vendita a Roma

Comprare casa a Roma, la capitale d’Italia, può sembrare difficoltoso e anche dispendioso. Ovviamente le quotazioni in questa città variano in base alla zona in cui si desidera abitare e se si sceglie il centro storico, in cui si respira l’arte e la storia di questa città cosmopolita, i costi sono abbastanza elevati. Anche le case vicine alle vie dello shopping hanno costi abbastanza alti, ma per chi desidera rivivere quell’atmosfera di una volta tornano ad essere affascinanti anche quelle case che danno sulle piazzette, sulle stradine strette dove si possono fare delle romantiche passeggiate.

La verità è che Roma è una città stupenda e per questo crescono a dismisura gli investimenti, da un punto all’altro, anche perché in ogni angolo si percepisce la bellezza della città eterna. Come valutare case in vendita a Roma? Certamente fare una valutazione richiede l’intervento di un esperto del settore, ma comunque si può azzardare una valutazione immobiliare tenendo conto di determinati fattori.

Determinare la superficie commerciale dell’immobile

Per cominciare, è bene sottolineare che il prezzo base di un immobile è dato dalla superficie commerciale in mq dello stesso. Per quanto riguarda la superficie commerciale bisogna ricordare che non tutte le parti di un immobile contribuiscono a determinarla con lo stesso peso. In genere la superficie commerciale è quella ottenuta dalla superficie totale dell’unità immobiliare comprensiva di tutti i muri interni più i muri perimetrali a cui vanno sommati eventuali balconi e terrazze o giardini. Tenere conto però che balconi, terrazze e giardini contribuiscono alla superficie commerciale al 33% fino a 100 mq, ovvero per un terzo.

Come determinare il valore al Mq

Il punto cruciale nella valutazione di un appartamento, dopo aver individuato la zona e stabilito la metratura, è quello di sapere il suo valore al metro quadro. Per facilitare il calcolo e avere un’idea approssimativa del valore di un appartamento a Roma ci si può affidare a dei servizi online gratuiti che offrono la possibilità di determinare il valore al metro quadrato di un fabbricato in qualsiasi località italiana.

Questo servizio mette a disposizione le quotazioni medie degli immobili per ogni comune d’Italia e quindi anche per Roma e consente di avere un’idea sui valori aggiornati di mercato. Con questo servizio è anchepossibile scegliere tra le varie zone di Roma per avere delle quotazioni più precise. In alternativa, è anche possibile chiedere l’intervento di professionisti del settore immobiliare per sapere con estrema precisione il valore di una casa a Roma e affidarsi alle sue competenze per gestire la compravendita. Ad ogni modo, una volta ottenuto il valore a metro quadro della zona di Roma preferita è possibile moltiplicarlo con la superficie commerciale della casa e avere quindi il totale approssimativo del suo valore complessivo.

Al prezzo base si aggiungono altri fattori

Non basta il prezzo base, anche se approssimativo, a determinare il valore di una casa a Roma. Contribuiscono a far accrescere o diminuire il valore di un’abitazione altri elementi tra cui:

La qualità dell’immobile –il buono stato e una distribuzione efficiente degli spazinon aggiungono valore al prezzo base della casa, poiché sono considerati scontati, ma se mancano il valore della casa si riduce anche del 30%.

Le caratteristiche interne della casa – in questo caso di parla di luminosità, esposizione e vista. In genere gli attici hanno un valore più elevato.

Le caratteristiche e la qualità di materiali e spazi curati – l’impiego di materiali pregiati e un esterno curato danno più valore alla casa.

Vicinanza ai servizi – la vicinanza di mezzi di trasporto, centri commerciali, scuole e lapresenza di aree verdi accresce il valore dell’immobile.

Leave a Comment